Cena Sezionale 2017

Si è tenuta presso la splendida sala dell'Antica Taverna palazzo Attimis di Maniago la consueta cena sezionale della "C.Fini", momento conviviale per festeggiare assieme ad associati, amici e parenti un altro anno trascorso all'interno della famiglia arbitrale. Si sono uniti ai nostri ragazzi anche una serie di ospiti di notevole caratura, a partire da numerosi colleghi in forza agli Organi Tecnici nazionali, per poi proseguire con una nutrita rappresentanza del comitato regionale capitanata dal vicepresidente Luca Cavanna di Pordenone, e quindi concludere con le autorità civili come il sindaco di Travesio, Franz, l'assessore allo sport del comune di Maniago, Franca Quas, e  "Lions Club" di Spilimbergo-Maniago.
Un ringraziamento particolare va a Michele Conti, componente nazionale che ci ha onorato della sua presenza in questa serata di festa.

Si è trattato quindi di un momento anche per mostrare a chi non ci conosce così da vicino chi siamo, cosa facciamo e, citando le parole dell'assessore Quas, "mi avete fatto scoprire un mondo che da ex calciatrice pensavo di conoscere, ma non era così…. e sono contenta che lo abbiate fatto".

L'impegno profuso in questa stagione è stato quindi notevole, e la cena è come ogni anno momento per conferire agli associati maggiormente meritevoli un riconoscimento:

Premio "D. Bertoli" - Miglior Giovane: NENAD RADOVANOVIC

"Per aver evidenziato pregevoli qualità tecniche ed attitudinali tali da segnalarsi come giovane promessa arbitrale dimostrando con la fattiva partecipazione alla vita associativa di aver saputo cogliere il vero senso della vita arbitrale."

Premio "F. Bracci" - RICCARDO CORREDIG

"Oltre ad evidenziare doti naturali e attitudini specifiche alle funzioni di Direttore di gara, con la sua attiva partecipazione alle vicende della sezione ha dimostrato di aver perfettamente capito il senso della vita arbitrale."

 

Premio "Giovanni Perrone" - STEFANO CARGNELLI

"Che con costanza, impegno e dedizione è sempre presente in famiglia, nello studio e nella vita associativa. Arbitro dentro e fuori dal campo."

Premiati sono stati anche:

Thomas Miniutti, per la costanza e l'umiltà che gli hanno permesso di ripartire come A.A. dopo la fine della carriera come arbitro ed arrivare fino alla CAN PRO;

Simone Roman Zotta, come neolaureato con un riconoscimento che premia nella giusta misura l'impegno che hai profuso nello studio e nello sport;

Chiara Bassutti, Giacomo De Stefano e Mattia Marcuzzi per la costanza e l'impegno al polo di allenamento.